Storia in briciole

Seconda Guerra Mondiale…

Gli incursori della Marina Militare Sovietica si addestravano nell’arte della guerra percorrendo in apnea 50 lunghi metri, e dai loro fucili subacquei ad aria compressa lasciavano partire una freccia che andava a colpire con estrema precisione la zona del cuore in una sagoma dalle sembianze umane.

…da disciplina bellica a sport

Il Tiro al Bersaglio Subacqueo (TBS) nasce e si diffonde proprio nei paesi dell’est Europeo e giunge a noi alla fine degli anni 70.

  • La prima manifestazione dimostrativa si è svolta nel 1981 al Foro Olimpico di Roma.
  • Il primo Campionato Italiano si è disputato ad Imola nel 1993.

cropped-DSC02184.jpg

Inizialmente, l’atleta aveva a disposizione una rastrelliera piena di aste, e per ottenere più punti poteva sparare più colpi in una sola apnea.

Nel 1993, si è passati alle gare con due distinte manches, una su bersaglio fisso, e una su bersaglio mobile.

Nel 1997 si gareggia con fucili personali e modificati, dotati di  mirini e stabilizzatori.

Nel 2004 nasce il moderno TBS.

(materiale tratto da una presentazione di R. Singia e T. De Luca)