3 – ma… il Bersaglio?


Picture1

Il bersaglio è disegnato su un foglio resistente all’acqua e acquistabile nell’ambiente (il consiglio come sempre è quello di contattare un club vicino). Spesso il problema è rappresentato dal supporto su cui montarlo. Per essere precisi troverete 5 bersagli per foglio…

Picture1

 

Sotto riportiamo due esempi di bersagli per 2 tiri ciascuno: il primo di tiro libero e il secondo di biathlon…

Nel primo noterete la valutazione accurata del punteggio; il tiro libero punta alla massima precisione e il 460 (centro totale) è ciò a cui si ambisce tutte le volte che si preme il grilletto.Figura 1 Nello specifico della prestazione in esame, ipotizzando che i successivi 8 tiri abbiano dato il medesimo risultato calcoleremo un punteggio finale di 3550=[(300+410)x5].

Ahimè, oggidì tale punteggio non basta più per fare un podio e almeno 100-200 punti in più sono purtroppo necessari. Con questo punteggio (e forse anche con 100-200 punti meno a seconda della stagione) si può invece ambire all’ingresso in prima categoria di tiro libero (le migliori 30 prestazioni dell’intera stagione).

Nella seconda coppia di bersagli (biathlon), invece, il tiratore è stato preciso nel primo tiro (tiro valido a prescindere da dove colpisce, punteggio=1) e fuori bersaglio con il secondo tiro (tiro nullo, punteggio=0).Figura 2

Ovviamente la prova necessita dell’integrazione del fattore tempo che determinerà non solo il risultato finale in termini di classifica (effettuata mettendo in lista gli atleti per numero di centri e poi per tempi) ma anche in termini di eventuali penalità (tiri validi eliminati per aver superato “soglie” prefissate di tempo).

Eccovi un bell’esempio di bersaglio “portatile” da copiare…