eMAI L’intervista #11 – Alberto Rezzi

Mi chiamo Rezzi Alberto, e faccio parte del team Europa Sporting Club di Brescia, dal 2006.

fb_img_1458587046062Dal 2008, da quando sono entrati a far parte del club, i miei maestri Tino De Luca e Roberto Singia, ho cominciato a praticare il tiro al bersaglio subacqueo. Si può dire di essere stato costretto a farlo inizialmente, per promuovere all’ interno del club questa disciplina, calcolando che fino a quel momento un fucile subacqueo da pesca, non l’avevo mai visto, ne usato.

Poi con i preziosi consigli dei miei maestri, sono riuscito a migliorare in una sola stagione, tanto da rischiare di vincere il titolo italiano di Biathlon, al mio primo Campionato Italiano a Modena, in Ottobre del 2008. Appunto questa è la disciplina che più mi piace, e mi si addice, in quanto, oltre all’ apnea, serve una buona dose di velocità, che mi ha sempre affascinato, e fisicità, che per ora non manca! Risultati, non posso lamentarmi, in quanto in questi anni, sono quasi sempre riuscito ad andare a podio nelle occasioni importanti quali CI o gare internazionali.

imag0145Un bell’aneddoto che racconto sempre, è la mia prima gara di tiro al bersaglio, a Varedo. Durante la manche di tiro libero, scendo sulla ventosa, mi concentro, prendo la mira, quando sono sicuro del colpo premo il grilletto, ma l’asta non parte, ed inizialmente non capivo come mai, poi mi sono reso conto che non avevo caricato il fucile ad elastici. allora lo carico al volo e sparo brutalmente in direzione del bersaglio. probabilmente non ero riuscito neppure a coplire la tabella! Poco più avanti c’ era Roberto Singia che mi stava osservando, ed alla vista della mia azione si è fatto una grossa risata. Al tiro successivo, riprendo la tranquillità e la concentrazione, ed al momento dello sparo, l’ asta non vuole ancora uscire! Ancora una volta mi sono dimenticato di caricare il fucile, a quel punto Roberto, non riusciva neppure ad insultarmi dalle risate che si stava facendo nel guardarmi! Eppure in quella stessa stagione sono arrivato secondo al Campionato Italiano a Modena. Per cui, se uno scarso come me è riuscito ad imparare ad usare il fucile in così poco tempo, anche gli altri possono con un po’ di impegno ad affermarsi in breve tempo nel tiro al bersaglio subacqueo. A ricordarmi questo, ho un medagliere con scritto “NOTHING IS IMPOSSIBLE“, con appeso solo le medaglie che contano veramente.

20150613_202437Si sta lavorando molto per diffondere questa disciplina, con un grande dispendio di  tempo ed energie da parte di tutti coloro che veramente ci tengono, ed anche io in collaborazione con la federazione, sto cercando di portare delle migliorie, a livello tecnologico, per la divulgazione e intrattenimento di coloro che vedono questo sport, ma non lo capiscono, o non sanno di che cosa si tratti.

eMAI L’intervista #10 – Catia Vagelli

Mi chiamo Catia Vagelli,  ho 51 anni, e sono il giusto sponsor per “lo sport non ha età”! fb_img_1480150088971Chi sono? Sono una tirosub!
Abito a Rosignano Solvay a due passi dal mare ma non avevo mai sentito parlare di questo sport,  fino a quando una certa Laura di un club Livornese, chiamò il mio compagno Simone Mimotti, per realizzare il sogno di creare una squadra di tiro con la sua Spazio Sub Livorno. Così è nata la mia passione,  in una serata di presentazione dove l’invitato speciale un certo Giuseppe Meduri da Bergamo in acqua mi mise un fucile in mano.. (conservo ancora il foglio bersaglio ), ad ottobre 2013 dopo nemmeno 1 mese di allenamento feci la mia prima gara selettiva proprio a Livorno arrivando terza, e dopo una settimana la Coppa dei Campioni a Brescia con un sofferto ultimo posto (sofferto perché ho combinato di tutto, ventose staccate con tiro al volo mentre risalivo,  sagome spezzate, attacchi di panico.. Un delirio per i miei poveri compagni di squadra Mimotti e Socci).
Il tiro è stato il classico amore a prima vista,  un rapporto difficile come tutti gli amori,  il fucile ad elastici che non riuscivo a caricare, l’acqua alta che mi spaventava,  il biathlon che non mi piaceva e tutti mi dicevano “ti devi divertire”.. Cavolo,  pensavo.. Io non diverto..
Poi, con la tenacia,  allenamento e la pazienza di chi mi sta attorno,  dopo una gara,  sono uscita con un sorriso… Miracolo… Mi sono divertita!
La gara che più mi da soddisfazione è la staffetta,  in uno sport così solitario (perché in acqua,  son cavoli, ti trovi sola con te stessa e con i tuoi pensieri… non ne esci…) è la disciplina che più mi rappresenta.
Ai campionati di Latina ho vinto l’argento nel biathlon (si avete capito bene… Biathlon) ma il bronzo nella staffetta non lo dimenticherò,  troppo bello sul podio, tanta emozione.
Una gara e una trasferta che ricordo?  Atene. La classica gara dove ti va bene tutto,  due ori,  nel tiro e nella gara dove mi diverto tanto. Dal podio ho fatto cantare l’inno italiano a tutti,  era da tanto che volevo farlo, lo canto a ogni Olimpiade  ad ogni competizione. Era il mio momento è il mio inno.
Un grosso rammarico? aver fatto il record da 4 metri a Vignola, 3505 punti e non vedere il mio nome scritto sull’ albo,  perché non ufficiale (tengo la coppa sulla mensola con scritto RECORD! Vale?)
Con la squadra alleniamo 2 volte a settimana il tiro,  1 volta l’apnea e abbino una sessione di spinning perché il fiato non è mai abbastanza.
Vi ho parlato della gente dell’ambiente?  Hanno la competizione al posto del sangue,  ti sorridono pensando “ti spiezzo in due..” sono degli squali affamati di punteggio, sono delle macchine da guerra… Praticamente una grande,  unica, famiglia!fb_img_1480149420815
Ogni gara è una rimpatriata,  uno scambio di opinioni e di consigli,  una sana e bellissima rivalità, se possono aiutarti sul bordo vasca  a un minuto dalla gara lo fanno.  Le gare,  con una troupe del genere fuori dall’acqua,  non fanno paura.
Il negativo di questo sport è l’invisibilita’.
Siamo non vedibili in acqua,  il pubblico non viene perché non c’è niente da vedere,  manca un impianto di ripresa collegato a un maxi schermo
(ne basterebbe 1 da far girare a ogni gara) che permetta a chi passa, anche per caso in piscina,  di seguire l’atto sportivo… la tecnologia è alla portata di tutti (telecamerine e wireless… Ne vogliamo parlare?).  Non siamo visibili in tv,  sui giornali, sulle riviste,  ho provato personalmente ha postare foto e a mandare email.
Dobbiamo arrangiarci da soli,  con Simone siamo stati invitati in Sardegna per fare promozione,  i ragazzi intervenuti sono rimasti piacevolmente colpiti,  sicuramente inizieranno a tirare e hanno saputo trovare canali mediatici,  per la divulgazione dell’evento, Unione Sarda,  tv via internet e a breve Rai 3. Quindi,  volere è potere! Impegno! Rompiamo le scatole,  tempestiamoli di foto e di articoli!
Abbiamo una Federazione la FIPAS alla quale chiediamo di credere in noi, di investire in questo sport, perché da noi ci sono grandi campioni.
Dimenticavo, sono una nazionale, un’ azzurra,  una di voi…

Tutti in piedi a bordo vasca!
Un abbraccio,
Catia

eMAI L’intervista #9 – Cristiano Bertin

cris1Nome e cognome, club attuale, eventuali sponsor: Cristiano Bertin, Circolo Sub Biella

Da quanto tempo gareggi: circa 6 anni

Come mai hai iniziato, cosa ti ha attirato verso il TBS: Abbiamo partecipato ad un mini corso fatto da Singia e Meduri a Torino, ci è subito piaciuto arrivando dalla pesca sub!

Quale disciplina preferisci: mi piacciono tutte, vorrei sparare meglio nella precisione

I tuoi risultati in breve: 3 podi alla finale dei campionati Italiani, 3 podi internazionali, 3 podi Europei, 1 podio mondiale individuale ed un 3 posto in coppa del mondo come club.

Quanto tempo ti alleni: 2 volte a settimana in piscina più 1 allenamento a secco (corsa, pesi )

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi: Finale Campionato Italiano 2017

crisRaccontaci un aneddoto o un momento particolare della tua carriera sportiva: avere avuto la convocazione in nazionale nel 2015 e farne parte tuttora

Cosa si potrebbe fare secondo te per diffondere e migliorare il TBS: dare più visibilità al nostro sport e divulgarlo presso i nostri circoli che sono il nostro primo bacino d’utenza

Cosa consigli a chi si vorrebbe approcciare a questo sport: come per tutte le attività di provare, la soddisfazione di prendere un bersaglio risveglia in qualcuno stimoli ancestrali!

2° Campionato Europeo Open + Coppa del Mondo CMAS per Club

Dal 9 al 13 Novembre si è disputato a Lignano Sabbiadoro (UD), il 2° Campionato Europeo Open di TBS. Nazioni iscritte: Francia, Grecia, Italia, Marocco, Russia e Ucraina. Purtroppo, per svariati motivi, all’ultimo minuto non si sono presentate le Nazionali del: Marocco, Russia e Ucraina.

Impianto e acqua perfette, sicuramente all’altezza del livello della competizione. Quattro le discipline in cui gli atleti si sono dati regolare battaglia. Presenti alte autorità della Fipsas e della Cmas.

Italia sempre presente su tutti i podi sia maschili che femminili, ma fatica a conquistare l’oro e il relativo titolo Europeo. Solo due sono i titoli conquistati: Stefano Oggioni nel Biathlon maschile e Cecilia Della Torre nel Superbiathlon femminile.

Regolarissimi il Francese Audu e il nostro Bertin sul podio maschile, mentre: Tramontana , Della Torre ed Esposito per i podi femminili.

Classifiche

A seguire, stessa location si è disputata la:

Coppa del Mondo CMAS di TBS per Club, presenti 19 squadre di varie Nazioni, con 12 donne e 59 uomini.

Da segnalare il grande ritorno di Marini Marusca, che dopo anni di inattività risale immediatamente sul podio.

Classifiche

Record e vittoria nel Tiro libero da 4 mt per Mura con 3.710 punti, grazie ad una seconda manche da 1900 punti, dopo una prima manche buona per Oggioni che lo vedeva in testa con un parziale di 1890 punti.

Grande vittoria per la Syraco Sub di Siracusa che vince la staffetta a squadre e grazie al miglior mix di prestazioni da parte di tutti i componenti del team vince la classifica generale a squadre. Portando la prestigiosa coppa proprio nella città del grande Enzo Maiorca nel giorno della sua morte.

Sul podio generale anche Circolo Sub Biella, in continua grande crescita.

Qualche foto da Facebook

Campioni Italiani 2016 !!!

Coppa Italia

1 A.S.D. SYRAKO SUB 1 4 6 13 1 3 4 1 11 14 2 59

Biathlon Femminile

1 ESPOSITO CHIARA ASTREA LATINA 3 2 53 44 173 0 173 3
2 VAGELLI CATIA ASD SPAZIO SUB LIVORN0 5 3 53 97 234 0 234 3
3 FORNACIARI ROSA ASD SPAZIO SUB LIVORN0 5 4 36 22 276 0 276 3

Biathlon Maschile, Seconda Categoria

1 ALIFFI FEDERICO A.S.D. SYRAKO SUB 5 2 11 81 132 0 132 5
2 ESPOSITO DOMENICO ASTREA LATINA 5 2 27 56 148 0 148 5
3 DELLI CARRI ALBERTO ASTREA LATINA 4 1 58 14 118 0 118 4

Biathlon Maschile, Prima Categoria

1 SINGIA ROBERTO EUROPA SPORTING CLUB 5 1 52 89 113 0 113 5
2 ARGENTINO ADRIANO A.S.D. SYRAKO SUB 5 2 1 91 122 0 122 5
3 MELLUZZO ROBERTO A.S.D. SYRAKO SUB 4 1 47 78 108 0 108 4

Superbiathlon Femminile

1 DELLA TORRE CECILIA A.S.D. OLOKUN 400 310 145 3 46 13 226 0 403
2 FORNACIARI ROSA ASD SPAZIO SUB LIVORN0 145 350 105 3 28 85 209 0 182
3 ESPOSITO CHIARA ASTREA LATINA 105 245 225 3 21 9 201 0 173

Superbiathlon Maschile

1 ARGENTINO ADRIANO A.S.D. SYRAKO SUB 390 290 350 2 45 16 165 0 700
2 LO PIANO ENZO ASD PIANETA OLGA SUB 2000 380 280 420 3 12 40 192 0 696
3 BERTIN CRISTIANO CIRCOLO SUB BIELLA 285 295 250 2 19 38 139 0 552

Staffetta per Società

1 EUROPA SPORTING CLUB 1 242 0 280 275 285 360 390 285 290 295 280 0 2740
2 A.S.D. SYRAKO SUB 1 252 0 430 300 255 270 260 320 245 245 180 0 2505
3 ASD PIANETA OLGA SUB 2000 246 225 220 235 310 0 350 215 350 350 240 0 2495

Tiro Libero Maschile, Seconda Categoria

1 DELL’AVANZATO ROBERTO CLUB SUBACQUEO GROSSETANO 278 297 360 340 380 260 300 200 380 400 370 290 0 0 0 0 3.280
2 SINGIA ROBERTO EUROPA SPORTING CLUB 287 289 380 235 245 285 330 420 310 350 310 285 0 0 0 0 3.150
3 ESPOSITO DOMENICO ASTREA LATINA 277 266 270 270 265 390 310 285 270 295 285 390 0 0 0 0 3.030

Tiro Libero Maschile, Prima Categoria

1 LO PIANO ENZO ASD PIANETA OLGA SUB 2000 251 250 390 220 295 380 390 390 400 285 410 400 0 0 0 0 3.560
2 DE LUCA ANNUNZIATO EUROPA SPORTING CLUB 276 282 290 270 320 330 360 410 380 370 310 430 0 0 0 0 3.470
3 MURA FRANCESCO FAUSTO ASTREA LATINA 258 245 400 390 430 300 350 290 370 290 430 195 0 0 0 0 3.445

Tiro Libero Femminile

1 ESPOSITO CHIARA ASTREA LATINA 261 286 320 300 370 300 330 235 280 300 270 205 0 0 0 0 2.910
2 DELLA TORRE CECILIA A.S.D. OLOKUN 272 281 295 350 295 370 255 185 190 285 350 240 0 0 0 0 2.815
3 VAGELLI CATIA ASD SPAZIO SUB LIVORN0 249 269 380 350 260 235 270 245 145 250 235 200 0 0 0 0 2.570

Continue reading